19 marzo 2011

A quatr'ori e mes dal matin / Alle quattroemezzo del mattino

Ho scritto un pensiero e chiesto a Giacomo, prezioso amico letterato e fine conoscitore del dialetto piemontese, di tradurmelo... ecco cosa n'é uscito fuori:


A quatr'ori e mes dal matin
'n mes Versej la gent la drom
e 's prepara cun pigrissia ai partensi dal lunes
'nvultà n'tla magia d'na nebbia 'd fin invern
ch'la smia vuré 'mbracé cun amor
tucc i robi davant' i mej euggi.

A quatr'ori e mes dal matin
'nciun pussé che mi smia essi disvigiàa...
i peus respiré tuta l'aria ch'i veuj
scutée 'd luntan j usej ch'i subbiu
e vardée 'n gat negru che cun baldansa
smia femi stràa 'nsema 'n blues 'd Chet Baker.

A quatr'ori e mes dal matin
trop tard par essi disturbàa da cuj chi turnu a càa
trop bunora anca par cuj chi spassu la stràa
gh'è nut tra i sass d'j stràj e i meij ureggi
nut tra i figuri nebiaj d'j caj e i meij euggi
e 's riessa fin sentì la primavera balé da riva.

A quatr'ori e mes dal matin
gh'a mia pressa 'l temp, anca 'l semafur l'è disviscàa
e fina i suspir smiu fé tensiun
a mia disvigié cui ch'j stan sugnand
parché n'tal cor la riva torna la magia
che da cust Piemunt gh'abbia più voja da 'né via.





... e per chi non fosse riuscito a "tradurre" ecco la versione in italiano:


Alle quattroemezzo del mattino
il centro di Vercelli dorme
e si prepara pigramente alle partenze del lunedì
avvolta nella magia di una nebbia tardo-invernale
che sembra voler abbracciare con dolcezza
ogni cosa dinnanzi ai miei occhi.

Alle quattroemezzo del mattino
Nessuno oltre a me sembra essere sveglio...
posso respirare tutta l'aria che voglio
ascoltare in lontananza gli uccelli che mormorano
e seguire con lo sguardo un gatto bianco che fiero
sembra farmi strada accompagnato da un blues di Chet Baker.

Alle quattroemezzo del mattino
Troppo tardi per essere disturbato da chi torna a casa
troppo presto anche per i netturbini
niente fra l'acciotolato e le mie orecchie
niente fra i contorni sbiaditi del viale e i miei occhi
e si riesce addirittura a sentire la primavera danzare poco distante

Alle quattroemezzo del mattino
il tempo rallenta e anche i semafori non funzionano più
persino i sospiri sembrano far attenzione
a non svegliare chi sta sognando
perchè nel cuore ritorni la magia
che da questo Piemonte non voglia più andar via


8 commenti:

arte ha detto...

Francesco, è meravigliosa. In italiano, ma ancor più meravigliosa in piemontese.

andreacherchivercelli ha detto...

Meravigliosa. Dico sul serio!

Cilions ha detto...

Vi ringrazio... davvero!!! detto da voi è un onore :)

Sandrino ha detto...

Bellissima, Cilion's!
Leggendola, e visualizzando in contemporanea la foto che hai allegato, mi sembrava di vedere un uomo intabarrato in un trench a tremare nell'umidità di quell'angolo tra via Galileo Ferraris e via Dante...
Sarebbe bello metterci in sottofondo "My funny Valentine" versione Chet Baker, no?

Giacomo ha detto...

Molto felice d'aver dato il mio contributo, anche se forse "fine conoscitore" è un po' eccessivo :)

Valgono i commenti che già ti scrissi a suo tempo.

A presto!

Giacomo ha detto...

ah! E come mai ho fatto diventare nero il gatto bianco? :)

Cilions ha detto...

#Sandrino: certo, perche' no?!? ma io dato il gatto (bianco) ci vedrei piu' white blues... sempre di Chet!!!

#Giacomo: come mai non lo so... ma mi piaceva la discrepanza fra le versioni...
(...per vedere di nascosto l'effetto che fa!!!)

... unico problema e' che ho dovuto cambiare cd!!! :)

un abbraccio

CinziaGK ha detto...

lo ammetto: ho letto direttamente la versione in italiano.
ma è splendida
mai pensato di dedicarti anche all'arte delle parole, oltre che a quella della musica??
buon tutto